Ritrovamento di amianto: che cosa fare in base alla situazione

32

Se vi è capitato di ritrovare dei prodotti che contengono amianto, ecco che cosa dovete fare in base alla situazione che si presenta davanti.

Cosa fare in caso di amianto deteriorato

Se il prodotto che contiene le fibre di amianto si è deteriorato, occorre procedere con il sistema dell’incapsulamento. È normale che con il passare del tempo e l’esposizione agli agenti climatici, il prodotto che contiene le fibre di amianto si rovini e rilasci le fibre nell’ambiente.

Chi si occupa di rimozione amianto Napoli procedere con la fase di incapsualemnto, il cui scopo è ristabilire la capacità contenitiva del prodotto stesso. Si utilizzano delle particolari schiume che si induriscono all’istante per bloccare immediatamente la dispersione delle pericolose fibre di amianto nell’ambiente circostante. Segue poi una fase di monitoraggio.

Cosa fare quando il prodotto con l’amianto è particolarmente esteso

Purtroppo, può ancora capitare di trovare parti in amianto all’interno di abitazioni ed edifici vari realizzati prima degli anni 90, data in cui l’amianto è stato vietato. Quando il prodotto che contiene le fibre di amianto grande, esteso e all’interno di un edificio, è impossibile procedere con una rimozione totale.

Per ridurre il rischio, gli addetti alla rimozione amianto Napoli realizzano una barriera fisica. in poche parole, si crea una controparete che copre tutto il prodotto che contiene amianto. Anche in questo caso, bisogna puoi prevedere una fase di monitoraggio e controllo.

Cosa fare con un prodotto singolo

Anche se è ritrovate un singolo prodotto che contiene amianto, dovette ugualmente rivolgermi agli esperti di rimozione amianto Napoli chi sono gli unici a poter intervenire in maniera sistematica e controllata. Il singolo prodotto che contiene amianto può essere rimosso una volta per tutte in maniera da azzerare il rischio per la salute delle persone.

Il prodotto viene rimosso e portato presso i centri specifici di smaltimento dei rifiuti pericolosi così da non doveva nemmeno prevedere fasi di monitoraggio e controllo successive all’intervento. È la situazione più auspicabile ma non sempre quella che si presenta.

SHARE