CBD e rapporto con lo sport: quali sono i benefici?

65

Il valore curativo del CBD è già abbastanza consolidato. Il composto ha dimostrato di essere un efficiente antidolorifico, un aiuto per dormire e un antinfiammatorio generale.

Ma i benefici del CBD trascendono il semplice uso correlato alla malattia. Le stesse caratteristiche che portano a una salute rinnovata rendono il CBD anche una scelta eccellente per gli atleti!

La sua capacità di ridurre lo stress può prevenire il burnout. Come aiuto per dormire, il CBD può migliorare i tempi di recupero. Anche il congegno alla base della capacità del cannabidiolo di calmare l’ansia può portare a benefici atletici.

Sei pronto a scoprire come il CBD potrebbe giovare a te e alle tue prestazioni sportive? Se vuoi approfondire meglio la questione CBD e suoi utilizzi ti consigliamo di leggere questa pagina, con tutti i dettagli più specifici.

CBD: aiuto contro lo stress

Forse il singolo più grande beneficio del CBD per gli atleti è la diminuzione dello stress.

Può sembrare utopistico – e lo è – ma cosa significa veramente? Per rispondere, dovremmo prima dare un’occhiata più da vicino a cosa sia lo stress.

Trascorreremo più tempo ad affrontare il vantaggio n. 1 rispetto agli altri vantaggi in questo elenco perché è da questa qualità che scaturiscono tutti gli altri.

Allora cos’è lo stress?

Lo stress è una condizione di agitazione o tensione mentale o emotiva derivante da condizioni contrarie o difficili. Nel 1936, un endocrinologo lungimirante di nome Hanse Selye fece di meglio. Ha descritto lo stress fisiologico come “la risposta non specifica del corpo a qualsiasi richiesta di cambiamento”.

Negli esperimenti sugli animali, Selye ha notato che lo stress potrebbe causare danni alla salute dell’intestino, ghiandole surrenali ingrossate e altri effetti. I risultati dello stress cronico furono anche peggiori: gli animali svilupparono l’artrite, ebbero ictus e morirono di attacchi di cuore durante la sua ricerca.

Connessioni tra stress e sport

Cosa ha a che fare lo stress con gli atleti? In realtà tantissimo e più di quanto si possa pensare ad un’analisi superficiale come spesso siamo condotti erroneamente a fare, forse per ripercussione dei tempi moderni dove la realtà si appiattisce sempre più, cercando risposte semplici a problemi complessi e articolati.

Questo perché le stesse attività atletiche sono una forma di stress, che deve essere superata e adattata proprio come qualsiasi altra cosa.

Come atleta, probabilmente hai già vissuto questa battaglia. Il miglior piano di allenamento bilancia attentamente lavoro e riposo, bilanciando attentamente il tuo sistema nervoso sulla linea sottile tra freschezza e sovrallenamento.

Trovare quel punto debole non è facile, ma il CBD potrebbe renderlo più facile. Un’integrazione quotidiana coerente con 10-20 milligrammi del composto potrebbe consentire agli atleti di superare le precedenti limitazioni indotte dallo stress, spingendosi verso nuovi limiti nel processo.

CBD come adattogeno

Gli adattogeni tradizionali includono i funghi reishi e l’echinacea, ma ora il CBD si è unito a questo elenco di piante che riducono lo stress e migliorano le prestazioni. Questo perché si adatta perfettamente alla definizione.

Quindi cosa sono gli adattogeni?

Come come confermano gli studi nell’ambito, gli adattogeni sono elementi contenuti in piante ed erbe non tossiche “destinate a riportarci in equilibrio”.

Gli adattogeni proteggono anche il sistema nervoso e il sistema neuroendocrino dall’esagerare se stessi. E secondo uno studio del 1969, gli adattogeni devono essere di natura stimolante, senza causare effetti collaterali.

Suona familiare? Questo è esattamente ciò che fa il CBD! Attivando il nostro sistema endocannabinoide (ECS), una rete di segnalazione di sostanze interne simili alla cannabis, il CBD aiuta a promuovere l’equilibrio. Con l’attivazione dell’ECS arriva il tipo di salute e vitalità in cui l’omeostasi può essere mantenuta.

Adattogeni per la ripresa rapida

Per gli atleti, il CBD e il resto degli ingredienti più attivi della canapa possono aiutarli ad adattarsi meglio al loro allenamento. Pensa allo stato metabolico che segue un duro allenamento: la temperatura corporea è alta e i livelli di cortisolo alle stelle. Inoltre, le proteine ​​muscolari si sono scomposte e lo zucchero immagazzinato sotto forma di glicogeno è quasi completamente esaurito.

Non è esattamente un’immagine di equilibrio.

Percependo questo stress, il corpo inizia a produrre maggiori quantità di endocannabinoidi per affrontare il processo di recupero. Aggiungi altri cannabinoidi come il CBD e tali squilibri possono essere corretti rapidamente.

È interessante notare che questo processo di rinnovamento è stato descritto anche da Hans Selye, che lo ha definito la “fase di resistenza” dell’adattamento. Resistenza contro i fattori di stress cioè, al fine di recuperare velocemente ed evitare il burnout.

Per fortuna, il CBD aiuta! Uno studio è arrivato addirittura a chiedersi se i cannabinoidi fossero sostanze dopanti che dovrebbero essere vietate nell’atletica professionale. E le cose potrebbero andare ancora meglio quando si prende il CBD insieme ad altri adattogeni.

Sebbene la ricerca in questo settore sia limitata, sappiamo che la maggior parte degli adattogeni delle piante agisce attivando enzimi come l’AMPK per regolare l’equilibrio energetico e aumentare la combustione dei grassi. Potrebbe essere che l’assunzione di CBD e altri adattogeni insieme porti a effetti sinergici! In altre parole, i due tipi di sostanze potrebbero effettivamente aiutarsi a vicenda a funzionare meglio.

CBD: aiuto al sistema nervoso

Il sistema nervoso centrale (SNC) è composto dal cervello e dal midollo spinale e controlla la comunicazione interna e la percezione inviando segnali all’interno dei suoi nervi e neuroni.

È semplice: quando c’è più stimolo all’interno del corpo, il sistema nervoso centrale è più attivo e quando il sistema nervoso centrale è meno attivo è meno attivo. Gli sport che comportano movimenti contro la resistenza sono particolarmente gravosi per il SNC.

Gli atleti con burnout del sistema nervoso centrale si sentiranno più lenti e solleveranno meno alla stessa velocità di sforzo. Se il processo di recupero continua ad essere ignorato, i muscoli di questi atleti possono diventare letteralmente insensibili alla normale scarica neuronale.

Il CBD può alleviare questi problemi. Se cerchi un posto dove acquistarlo in tranquillità, visita il JustBob, il primo sito di vendita di cannabis legale. Numero uno in Italia e in Europa.

SHARE